Aplus logo

Modifiche regolamento spedizione transfrontaliera di rifiuti indietro

martedì 22 dicembre 2020

Sulla G.U.U.E. n. L433 del 22/12/2020 è stato pubblicato il Regolamento (UE) 2020/2174 che modifica gli allegati I C, III, III A, IV, V, VII e VIII del Regolamento (CE) n. 1013/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle spedizioni di rifiuti (data applicazione del Regolamento: 01/01/2021; data di entrata in vigore: 11/01/2021).

Le modifiche apportate al Reg. 1013/2006 riguardano principalmente:

1. l'eliminazione dell'attuale codice B3010 relativo ai rifiuti di plastica e la conferma dell'assoggettamento alla procedura di informazione con esportazione di cui all'art. 18 del Regolamento (movimento con allegato VII e senza notifica) solamente dei seguenti rifiuti di plastica non pericolosi:

─ con codice EU3011, se spediti all'interno dell'Unione, destinati al recupero, composti quasi esclusivamente:

  • da un singolo polimero non alogenato oppure da miscele di polimeri;
  • da una sola resina polimerizzata oppure da un solo prodotto di condensazione oppure miscele di resine polimerizzate o prodotti di condensazione;
  • da un solo polimero fluorurato oppure da miscele di perfluoroalcossialcani PFA e MFA;

─ con codice B3011, se spediti all'esterno dell'Unione (nel rispetto delle eventuali limitazioni in merito fornite all'UE dai vari Stati, le quali non cambiano), destinati obbligatoriamente a riciclo R3, composti quasi esclusivamente:

  • da un singolo polimero non alogenato oppure da miscele di polietilene (PE), polipropilene (PP) e/o polietilene tereftalato (PET), purché ciascun materiale sia destinato a essere riciclato separatamente R3 previa selezione e in modo ecologicamente corretto e purché la miscela sia quasi priva di contaminazione e di altri tipi di rifiuti;
  • da una sola resina polimerizzata oppure da un solo prodotto di condensazione;
  • da un solo polimero fluorurato;

2. l'assoggettamento a notifica e autorizzazione preventive dei rifiuti di plastica non ricadenti in tali specifiche, se ammissibili all'esportazione (ovvero se destinati a recupero e non a smaltimento).

Ricapitolando:

  • per le spedizioni con destinazione UE, i rifiuti che rientrano nelle specifiche del codice EU3011 potranno continuare ad essere esportati con procedura agevolata ai sensi dell'art. 18 del Reg. (CE) n. 1013/2006 (allegato VII senza notifica);
  • per le spedizioni con destinazione extra UE, il codice EU3011 non è applicabile; i rifiuti potranno continuare ad essere esportati con procedura agevolata ai sensi dell'art. 18 del Reg. (CE) n. 1013/2006 (allegato VII senza notifica) solo se rientrano nelle specifiche del codice B3011;
  • se i rifiuti non rientrano nelle specifiche dei codici EU3011 o B3011, allora sarà necessario che l'esportazione avvenga con la procedura di notifica preventiva da autorizzare.

Il testo del Regolamento UE 2020/2174 è scaricabile dal seguente link: https://bit.ly/3okK0Zf.