Aplus logo

Rinvio scadenze relative ai rifiuti e proroga procedimenti amministrativi e durata autorizzazioni indietro

martedì 17 marzo 2020

Sulla G.U. n. 70 del 17/03/2020 è stato pubblicato il Decreto-Legge 17 marzo 2020, n. 18 "Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19".

Con l'art. 113 è stato disposto il rinvio al 30 giugno 2020 delle seguenti scadenze relative alle comunicazioni sui rifiuti:

  • presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) di cui all'art. 189 c. 3 del D.Lgs. 152/2006;
  • versamento del diritto annuale di iscrizione all'Albo Nazionale Gestori Ambientali di cui al D.M. 120/2014 (per i soggetti iscritti);
  • presentazione della comunicazione annuale dei dati relativi alle pile e accumulatori immessi sul mercato nazionale e dei dati relativi alla raccolta ed al riciclaggio dei rifiuti di pile e accumulatori portatili, industriali e per veicoli (D.Lgs. 188/2008);
  • presentazione al Centro di Coordinamento della comunicazione annuale dei dati relativi ai rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche - RAEE trattati (D.Lgs. 49/2014).

Con l'articolo 103 è stato invece stabilisce che:

  • ai fini del computo dei termini relativi allo svolgimento di procedimenti amministrativi in corso alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati successivamente a tale data, non si tiene conto del periodo compreso tra la medesima data e quella del 15 aprile 2020;
  • i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020.

Il testo del DL 18/2020 è scaricabile dal seguente link: https://bit.ly/38XeeJu.

Nota: altre scadenze di natura ambientale eventualmente applicabili non risultano essere prorogate e restano confermate al 30 aprile; ad esempio:

  • pagamento dei diritti annui di iscrizione al registro provinciale delle imprese che svolgono attività di recupero di rifiuti in procedura semplificata;
  • trasmissione della dichiarazione PRTR (dati 2019) per i gestori degli stabilimenti soggetti ai sensi dell'art. 4 D.P.R. 157/2011 che fornisce il regolamento di attuazione per il Regolamento (CE) 166/2006 (elenco di impianti similare all'elenco degli impianti dotati di Autorizzazione Integrata Ambientale);
  • trasmissione dei dati relativi ai controlli delle emissioni richiesti dall'Autorizzazione Integrata Ambientale secondo modalità e frequenze stabilite nell'autorizzazione stessa (per impianti dotati di Autorizzazione Integrata Ambientale).